random

Credo sia stato un mese fa, un mese e mezzo. A letto, a casa *sua*, io nel mio letto un po’ più basso, attaccato al *suo*. Stiamo parlando, forse ho il braccio dalla sua parte. *Lui* parla, e io penso ad altro, per un momento. Sto immaginando lo stesso letto, la stessa notte, quel momento, con un altro uomo; con uno in particolare. Lo visualizzo bene, è come se fosse lì; anche il calore della mano, che tengo nelle mie, cambia. Lavorare d’immaginazione non è mai stato difficile, per me. Però la *sua* voce, le sue parole, si intrufolano nell’immagine che ho appena costruito; iniziano a creparla; la differenza tra la persona che sto immaginando e le cose dette e la sensazione di familiarità che provo è troppo grande, per non frantumarsi in un’implosione di incoerenza. E penso che no, non potrei davvero stare con nessun’altro, in quel modo. Che non potrei stare ad ascoltare nessun altro, con la stessa attenzione che ho per *lui*. Che non sarebbe così, con un altro.
Il problema più grande dei miei rapporti precedente è sempre stato lo scalino che separa la familiarità e la complicità dall’amicizia. Tentavo sempre di avvicinarmi al limite più alto di familiarità, di naturalezza, e sconfinavo sempre nell’amicizia. E tutto diventava irrecuperabile. E’ un interruttore che scatta e non torna più indietro; semplicemente, si smette di sentire quel particolare calore che c’era prima perchè prende il suo posto l’amicizia. Con *lui*, questo problema non c’è. L’interruttore non accenna a scattare e io non me ne preoccupo nemmeno. Con lui ci sono altre cose, che non ci sono mai state per nessun altro uomo; rispetto, soggezione, attenzione; è brutto, da dire, oh è bruttissimo, ma tant’è: quando sono con lui, mi sento con un mio pari. Ed è principalmente lui, che mi fa sentire così; amandomi senza idolatrarmi, senza mettermi su nessun piedistallo, tenendo sempre ben in evidenza tutti i miei difetti umani. E per quanto io detesti quando qualcuno fa notare una mia debolezza, è proprio questo che mi fa vivere bene con lui.

9 commenti

  • Lucretia ha detto:

    credo che sia proprio questo il segreto, sai… quando ci si sbilancia, quando uno dei due assume – anche involontariamente, è ovvio – un ruolo troppo predominante rispetto all’altro, l’equilibrio si rompe. non c’è più il giusto scambio di energie e prima o poi la situazione precipita, si diventa parassiti, e in quanto tali, nocivi.

  • philweblog ha detto:

    *Lui* legge questa cosa qui??

  • anija ha detto:

    · Lucretia
    Verissimo; solo che per come sono fatta io, lo sbilanciamento è quasi inevitabile, di solito.

    · Phil
    Mh, non dovrebbe, ma se passa e legge la cosa non mi tocca

  • philweblog ha detto:

    Ebbene: io sono *lui*; la fotarella, se guardata con occhialini 3D style verde/rossi, e se coadiuvata da un mix opportuno di birra, lsd e stock 84 alla ciliegia, restituisce l’immagine di chi sai. Traditrice onirica!!

  • anija ha detto:

    Boh, credo che immaginare, pensare, ad altre persone, sia umano. Senza dubbio, è normale per me, e lui si deve prendere tutto il pacchetto.

  • philweblog ha detto:

    Basta che il pacchetto iniziale non sia un pacco finale (ma sinceramente non penso; trasuda dal tuo parlare una saggezza "di relazione" che sa di vissuto, e dunque…)

  • SheeJay ha detto:

    Lo ammetto: sono qui perchè hai lasciato un adorabile commento sul mio blog, e vorrei riuscire a suscitare più spesso queste emozioni. Ad ogni modo, sul serio, questo tuo post mi è piaciuto. Perchè ha un sapore assolutamente schietto, ed è una di quelle schiettezze che amo, e che vorrei possedere anch’io. Devo passare a leggerti più spesso.

  • alessandro ha detto:

    ciao, non c’entra niente col post ma ricordo che ti piaceva Bjork ed ho trovato questa foto:

    Matthew Barney – Drawing Restraint 9 / The Cremaster Cycle

    Forse conoscevi già i lavori di questo artista, in ogni caso spero ti possa interessare.

    ale

  • arbea ha detto:

    Che bello..sei davvero fortunata ad avere una relazione così..e a viverla..

    Ultimamente vivo le stesse sensazioni che tu hai descritto chiaramente..ma il tutto non viene vissuto pienamente perchè lontani..

    Un bacio  …sei "amorosa" quando scrivi..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.