del marzo 1943

Posso dire quel che mi pare della mia vita, ma è innegabile abbia avuto una perfetta infanzia felice e che alcuni dei miei ricordi migliori siano quelli della casa in cui sono cresciuta, uno dei luoghi a cui sono più affezionata. E per quanto non mi piaccia per ovvie ragioni uno come Lucio Dalla, risentire oggi per via delle varie notizie questa sua canzone mi fa ricordare quelle interminabili ore in bagno a farmi asciugare i capelli, all’epoca lunghi fino alle ginocchia, da mia madre mentre mi cantava queste bellissime rime, tra le tante. A guardar bene non ottime canzoni per una bambina (La Città Vecchia di De Andrè, per dire), ma che hanno creato bellissimi ricordi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.