elezioni

Io ho provato a valutare di votare a sinistra. Di votare La Rosa nel Pugno, precisamente.
Ma non ce la faccio a pensare di mandar su Prodi, davvero. Meglio mille Berlusconi (per quanto io lo disapprovi su quasi tutto). Però Prodi no. Non si capisce nemmeno quando parla. Fa pchack pchack con la bocca, come se avesse sempre della saliva gelatinosa lì, sulle labbra; parla come se avesse dei fagioli secchi in bocca. Sussurra come un serpente. Percarità.

Per evitare che seguano altri 47 commenti alla questione:
Questo è un post ironico. RIDETENE. Il sangue alla testa fatevelo venire per altre cose, più importanti di un mucchiettino di parole di una sconosciuta.
FAQ:
Ovviamente, essendo non del tutto stupida, non scelgo il mio voto in base all’aspetto o alla bravura nel parlare di un candidato (anche se a parer mio è un fattore importante, in politica).
In questo post non sto dando il mio voto a Berlusconi, ma sto dicendo che non voterò mai Prodi, leggasi: sono due frasi profondamente diverse.
Non ho alcuna intenzione di fare propaganda politica (e in effetti in questo post non la faccio) nè trantomeno di ascoltare le vostre, di propagande, per chicchessia.
Il prossimo che mi dice di non votare che è meglio, lo mando direttamente a fanculo, perchè non è possibile che nel 2006 ci sia ancora chi sostiene il non voto come opzione; se si vuole farlo, lo si faccia fuori dal mio blog.
Grazie per l’attenzione.

64 commenti

  • anija ha detto:

    eLo, scusa, con chi stai parlando? Me o Robi? Non si capisce molto. Io non ho capito nemmeno a cosa ti riferisci.

  • eLo ha detto:

    Mi riferisco al vaffanculo naturalmente. Mi sono accorta che avrei dovuto specificarlo. Ero tornata apposta per aggiungerlo al commento, ma mi hai preceduta.

  • anija ha detto:

    Io ho detto che il prossimo lo avrei mandato a fanculo. Non ho detto "fanculo eLo". Mi sembrano due cose decisamente diverse.

  • eLo ha detto:

    A me no, visto che sono stata l’unica a sostenere quell’ "ipotesi". (Appena mi viene in mente come si chiama in logica questo tipo di ragionamento…) A volte con le parole esprimiamo anche dei giudizi impliciti. Ed è giusto – forse – che sia così. La bellezza (arma a doppio taglio!) del linguaggio consiste in questo.

    Mi spiace veramente tanto per la piega presa da questa discussione, perché leggevo di quando in quando il tuo blog e lo trovavo intelligente e ben scritto.
    Mah.

  • anija ha detto:

    Già, ma io ho detto "il prossimo". Che tu sia stata l’unica o siate stati in cento, a sostenere quell’ipotesi, conta poco: lo avete già fatto, questo vi autoesclude dai prossimi. Non è il primo commento, su questi 54, dove ti senti tirata in causa senza motivo. Quando invece il motivo per essere tirata in causa c’è, e te lo fa notare anche altra gente (l’aggressività, o voglia di discutere, chiamala come vuoi, dei tuoi commenti, fin dal primo, è innegabile) rispondi con un "hai fatto tutto tu".
    Non ho interesse a protrarre questa discussione di cui mi sono detta disinteressata fin da subito; tu ti offendi per il vaffanculo, io ritengo tu abbia la coda di paglia: due opinioni divergenti, e potremmo litigarne o parlarne davanti a the e biscotti per altri 500 commenti che nessuna delle due cambierebbe idea.

    Infine: se davvero fino a ieri ritenevi il blog intelligente e ben scritto (quindi essendo scritto da me, non dovevi certo pensare che io fossi tanto da meno), trovo ancora più assurda la tua frase "faresti meno danni non votando". E dì pure che era uno scherzo, che era detta con ironia: di scherzoso ha, oggettivamente, ben poco e io la ritengo, ovviamente, offensiva. E penso che chiunque la legga (e ne ho avuta conferma) la ritenga offensiva quanto me. Io non vengo sul tuo blog a dirti cosa faresti meglio o non faresti meglio a fare in base a tre righette di un post e poi a ritenermi offesa se non mi si da’ ragione o non ci si attacca alla discussione.

    Fine?

  • anija ha detto:

    Insomma, davvero, è incredibile. Non so quanti hanno cercato di buttarla sul ridere vedendo la piega decisamente poco serena che prendeva la discussione; perchè continuare a insistere a flammare?

  • Robi ha detto:

    Perché se uno non ha molto altro da fare lo fa. Perché se uno ha bisogno di sentirsi protagonista lo fa. Perché se uno pensa di avere ragione e vuole comunicarlo per forza lo fa. Perché se uno è permaloso e si offende a cazzo lo fa. Eccetera. Non so se e quanti motivi c’abbia preso, e su chi, né mi interessa. Però… non darci peso. Niente sangue amaro (e lo dico anche a me ;)).
    Biscottino?

  • anija ha detto:

    A quest’ora? See e poi quando dormo?

  • Robi ha detto:

    Perché, tu dormi? Dai, non sparare cazzate adesso… XD

    Tisana menta e camomilla, allora? Io l’ho appena finita (non che serva a molto visto che faccio le quattro sempre e comunque, ma vabbè, uno prova…)

  • eLo ha detto:

    Se avessi tempo e voglia potrei anche spiegarti perché ti avevo scritto "non andare a votare, a questo punto". Non era una battuta. E non voleva nemmeno essere un "Anija, sei un’idiota, non votare".
    Ma è evidente che non è questo l’ambiente per dare spiegazioni.
    Ho un esame fra due ore, vedi bene che di cose da fare ne ho.
    Se poi voi interpretate la volontà di spiegare semplicemente la propria posizione con un "flammare" o per aggressività o – ancora – voglia di apparire… be’ quello è un problema vostro. Io non ti ho mai detto: "Anija, la pensi così, allora sei una nazista del cavolo, un’aggressiva". Mentre io sono passata per brigatista, "aggressiva" (ti giuro che in questi giorni più che capitelli romani e stili di mosaico non ho in testa). E la mia personalità è stata doverosamente psicanalizzata (non so su quali basi e con quale diritto, dato che io non mi sono mai permessa di espirmere giudizi sulle vostre persone, mai!) da Robi, nel suo ultimo commento.

    In quanto poi a postare commenti o meno su un blog… tu per me puoi venire quando vuoi a dire: "Elo, guarda, secondo me non è così" su qualsiasi cosa da me scritta. Il mio blog è pubblico e le porte sono sempre aperte a tutti.

  • Robi ha detto:

    Se avessi tempo e voglia potrei anche spiegarti perché ti avevo scritto "non andare a votare, a questo punto".

    Se poi voi interpretate la volontà di spiegare semplicemente la propria posizione con un "flammare" o per aggressività o – ancora – voglia di apparire… be’ quello è un problema vostro.

    Allora, tu stessa dici che potresti spiegare se avessi tempo e voglia eccetera, e due righe dopo scrivi che ti sei già spiegata. Forse dovresti metterti d’accordo con te stessa.

    Ma a parte questo. Dove avrei scritto che mi riferivo a te?
    Non so se e quanti motivi c’abbia preso, e su chi, né mi interessa.
    Questo vuol dire che non stavo parlando di te, e che ho azzardato dei motivi variamente applicabili alle persone coinvolte, o forse anche a nessuno, sono motivi random che possono spiegare perché una persona potrebbe comportarsi così. Una persona generica.

  • Marcello ha detto:

    Non si capisce quando parla? Può sembrar ‘moscio’? Altro?

    Insomma, Berlusconi ha fatto le migliori porcherie in maniera indecente, come si può fingere di non vedere.

     

    Concordo con te: vai a votare! Ma ricorda che non è una nomination del Grande Fratello. La pronuncia del candidato premier, la capigliatura o il suo accento puoi ben tralasciarli.

  • anija ha detto:

    Come ho scritto nel commento 3 e nel disclaimer:

    Ovviamente, essendo non del tutto stupida, non scelgo il mio voto in base all’aspetto o alla bravura nel parlare di un candidato (anche se a parer mio è un fattore importante, in politica).

    Evidentemente, nello slancio di seminar saggezza spesso si dimentica di leggere tutto.

  • anija ha detto:

    Spero la "discussione" si possa ritenere chiusa, a questo punto. Bene, ne esco come persona che ama il tè annacquato coi pasticcini, che non si interessa di politica, sicuramente sarò anche stata intimamente appellata come nazista, fascista, e almeno qualche insultino sarà volato. Perchè non so cos’altro aspettarmi da chi denigra il non voler alterarsi parlando di politica. Per un post ironico di 8 righe.
    Chissà quelli che disegnano le vignette satiriche: li prenderanno a sassate, probabilmente, facendo il rapporto un attimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.