friends

« Phoebe, tu pensi che il tuo animale preferito dica molto di te? »
« Intendi … alle mie spalle? »

Sono alla settima serie. Anni senza friends pagano, e tanto: vuoi mettere la soddisfazione di vedersi sette serie in un paio di mesi?

4 commenti

  • philweblog ha detto:

    Però attenzione! Senza le risate registrate non farebbe lo stesso effetto: provate a isolare mentalmente tutte le battute, e vedrete affiorare quel sentore di colonialismo culturale USA (e getta) che tanto poco piace agli underground.

  • Selkis ha detto:

    aggiungo che se riesci a scaricarle in inglese fanno moooolto più ridere… e che da quando monica e chandler si sposano non mi fa più ridere…

  • anija ha detto:

    Beh, a me la battuta dell’animale preferito mi fa ridere anche senza le risate sotto. E anche tante altre

  • philweblog ha detto:

    Sarà che forse la comicità di friends mi sembra così veloce, a tratti isterica; tutti quei tipi con la battuta pronta, senza margini di riflessione (premetto che ascendo da altre forme di ilarità, più semiologiche… per capire cosa intendo bisognerebbe leggere/guardare il libro fotografico "Novecento", con prefazione di Umberto Eco: si tratta di fotoritocchi assurdi, con sovrapposizione di personaggi famosi, appunto, del grande secolo scorso… ecco, quella roba mi scompiscia!)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.