ecchepalle

Settimana piena, migliorie su iobloggo (per iniziare bene l’anno nuovo), cene da parenti vari (non ne posso più), lavoro, riposo, incubi notturni.
Io e *lui* non potremo passare il Natale insieme, ovviamente. D’altronde, quando mai s’è visto che andasse qualcosa come si sperava/desiderava in queste situazioni? Lui non può certo venire a passarlo qua, quindi potrei passarlo io da lui, ma no, no, percarità. La tradizione vuole che siano loro da soli, e non mi conoscono abbastanza (sarà perchè la decina di volte che sono rimasta lì venivo trattata come un’estranea inopportuna? mah), e via dicendo. Non capisco, davvero, non capisco. E onestamente non mi interessa neanche quasi più. Solo che mi andava, per un anno, poter pensare di passare il natale con le persone a cui voglio bene, nel caso specifico *lui*. E invece dovrò passare l’ennesimo natale ipocrita in famiglia, l’ennesimo natale da sola, visto che anche se ci fossero venti persone, ci sarebbe comunque un baratro tra quello che sarà e il sentirsi veramente circondati di persone a cui si vuole bene. Bah, per ora non riesco a pensarci senza provare risentimento; si può essere così egoisti? Vuoi che tuo figlio rimanga in casa a natale, ed è anche giusto, è bello, ma non può deicdere di passare il natale anche con altre persnoe, solo perchè si è talmente chiusi che io, dopo così tanto tempo, sono ancora un’estranea. Alle volte mi chiedo come facciano a ricordarsi come mi chiamo. Però davvero, dopo più di un anno, ne ho davvero abbastanza. Come dicevo ieri, si sa che non sono una persona paziente e che sono troppo orgogliosa. Dopo più di un anno, dicevo, mi sono stufata di elemosinare, anche solo per una volta, un posto letto, come se arrecassi un disturbo immenso. Continuiamo a farmi fare la spola in treno avanti e indietro, tanto il treno è gratis; continuiamo a fare sempre in modo che sia lui a venire da me, tanto poi qua il trasporto è gratis e il cibo anche, da noi lo regalano per strada.
Uff. Mi sforzo, io, di pensare a renne, abeti, pacchettini e ciccioni con la barba, ma non riesco a tenere in testa pensieri gioiosi e cristallini, natalizi. Ho ben altro genere di pensieri, ora.

Quindi il programma è: *lui* viene qui domani, in treno. Stiamo insieme, facciamo i regali di natale, poi sabato sera andiamo in treno da *lui* e usciamo a festeggiare con i suoi amici. Poi io me ne torno a casa la sera stessa, il giorno dopo pranzo dai miei e al pomeriggio lui torna giù. Pochi giri, eh?

I miei hanno mille difetti, hanno sbagliato molte cose, nell’educarmi e nell’allevarmi e nella vita famigliare. Se ne rendono conto anche loro, alle volte. Ma adesso, che non ho più dodici anni, se sanno che tengo a una persona non mi ostacolano e fanno in modo di integrarla, che gli stia simpatica o no. Buon viso a cattivo gioco, se necessario. Si rendono conto che non accettando *lui*, terrebbero a distanza anche me: il mio tempo è limitato e quando posso preferisco passarlo con *lui*, quindi o accettano anche *lui* o non posso sostituire *lui* con loro; i suoi non lo capiscono. Pretendono che lui stia a casa più spesso, ma pretendono che ci stia senza di me: come se abitassimo vicini e ci vedessimo già ogni sera. Non riesco a capire, cosa gli passa per la testa. Certo che sentirmi dire da mia zia di 72 anni che evidentemente sono un po’ all’antica, da’ da pensare, ecco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.