sorridere al mattino

Stamattina sono uscita dal palazzo, alle 9, con un sorriso decisamente allegro.
La conversazione con una vicina in ascensore che mi raccontava che spesso dal balcone osservava i miei gatti, dicendo che erano molto carini, mi ha messo addosso il buon umore. Uscire per strada sorridendo dopo aver augurato buona giornata e quasi scontrarsi con un vecchietto che ha allargato le braccia esclamando “che bella visione!” con un sorriso, mi ha rallegrato ancora. Essere d’aiuto a una Torinese che cercava il pullman giusto. Scambiare due battute con l’autista.

Poi sono arrivata in ufficio.
Tempo due ore e l’umore è di nuovo rasoterra. Senza motivo. Effettivamente, non ne ho proprio alcun motivo.
Dovrei solo accettare questa nuova condizione di vita e non cercare un’altra persona, che tanto lo so bene che se devo incontrare qualcuno, lo incontrerò senza cercarlo. Mettere le zampine negli eventi non porta mai a buone cose e dopotutto, si sono sempre verificate la maggior parte delle cose che desidero. Quindi devo smettere di pensare, di tormentarmi. Vivere e basta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.