rabbia

Tremo dalla rabbia. Rabbia pura. Rabbia nera. Quella rabbia che non distoglie lo sguardo dall’immagine di una persona dilaniata in mille pezzi. Da sangue, da grida.
Dopo mezz’ora. Tremo ancora di rabbia.
« Fammi sapere dove sono domani sera. » è forse una domanda? No. Non rispondermi con « angy… ». Non serve a un cazzo. Domani sera sarò di fronte a quelle persone. Domani sera usare parole mortificanti non sarà una cosa crudele. Non sarà una cosa tanto per fare, una disattenzione, come è a volte. Sarà ciò che loro si meritano. Tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.