la giornata del cazzo prosegue

Violenti acquazzoni durante il pomeriggio.
Angy previdente esce dall’ufficio 6 minuti prima, per essere sicura che anche se lo stupido pullman è in anticipo, lei lo prenderà.
Mentre aspetta, comincia a piovere.
Poi smette di piovere, inizia a scendere pioggia a secchiate.
Smette 15 minuti dopo, quando ormai le speranze che il pullman passi sono state lavate via dalla pioggia.
Nota positiva: uno stupido arcobaleno luminosissimo all’orizzonte.
E mi immagino nani e folletti intenti a giocare con grosse monete d’oro mentre io maledico il cielo, cerco di strizzare i capelli fradici e tento in ogni modo di mettere al riparo il libro che sto leggendo perchè non si bagni. Fosse stato un fumetto, la crisi isterica era assicurata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.