stanotte

Sonno, non sonno, nervosismo lavorativo, tristezza di sapere che dovevamo sentirci di lì a breve ma lui non m’ha più chiamato e ora credo dorma già, sapendo che se l’avessi fatto io mi avrebbe tempestato di telefonate sul cell, sul tel di casa, ovunque. Vabeh. Torno a guardare Sex and The City, con il sonno che ormai non c’è più e l’idea che avrei potuto rendere la serata più utile se solo avessi saputo che non ci sentivamo più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.