bah

penso di uscire, e lui dice che vuole stare un po’ solo con me.
"domenica cosa facciamo?" mi chiede. "mah boh stiamo a casa a sonnecchiare" e lui sperava di fare qualcosa di speciale in giro.
ma allora?
"è che è l’ultima domenica che ci vediamo"

già, poi parto per tre anni e vado in andalusia, vero?
cazzo sto via una settimana, mi dispiace che lui non ci sia ma le ferie non ho deciso io quando averle e in ogni caso ne ho bisogno, lui lavora da un mese, io ininterrottamente da 14 mesi, nemmeno a natale ho fatto ferie. Mi dispiace e lui è da quando abbiamo prenotato che fa di tutto per farmi sentire in colpa.
è una settimana che ogni giorno c’è l’occasione per parlare delle vacanze.. "mi spiace che vai via" "ma se tu mi facessi le corna me lo diresti?" "facciamo qualcosa di speciale che è l’ultima settimana che ci vediamo" "stiamo un po’ da soli che poi non ci vediamo più"
venerdì vado a un concerto di una persona che sono anni che voglio sentire. volevo andare alla serata di ieri sera ma era lontano e saremmo arrivati tardissimo = lui non sarebbe venuto, quindi ho pensato fosse meglio andare venerdì prossimo (partiremo venerdì mattina verso le 3/4) così veniva anche lui essendo vicino (inizia alle 23, alle 00:30 saremo già a casa volendo). E non viene perchè non ha voglia. E si lamenta che l’ultima sera che possiamo vederci (stesso discorso dello star via secoli no?) io vado a un concerto a cui lui non viene.
ma cosa devo fare?

8 commenti

  • Ric ha detto:

    Sai una cosa? Se le stesse cose che hai scritto nel blog me le avessi dette a voce ti risponderei così: piglia il Giggio, digli "senti qua moretto, visto da qui il panorama è così…" e usa le stesse parole che hai appena usato con me, magari ha anche la capacità, se inciampa in un punto di vista diverso dal suo, di riconoscerlo… succede a noi maschietti, sai?

    Ma siccome Giggio legge il tuo blog è già cosa fatta. Con la differenza che è fatta in pubblico o giù di lì. Se scrivere le cose ti aiuta a focalizzare e a sbollire, benissimo: la prossima volta prendi in mano il buon vecchio Blocco Note (o equivalente), scrivi, poi ti confronti con lui a quattr’occhi senza farlo sentire sotto i riflettori.

    Ti giuro che nello scrivere questo commento mi piange un po’ il cuore, perché leggerti è sempre un piacere, però come al solito i miei 2 Eurocent ce li metto di cuore.

    (un Ric parecchio zio)

  • skinner ha detto:

    quando la mia ragazza mi da una lettera scritta a mano con su scritto qualcosa, qualsiasi cosa, dai consigli alle prediche alle richieste d’aiuto o anche solo per chiarirci, mi metto a sorridere “ma cazzo, ma dimmele a voce che facciamo prima, no?”. ma vedere una coppia che si scrive su un blog pubblico per chiarirsi… non so… mi da la sensazione di paraplegico…

  • giggio ha detto:

    non scriviamo sul blog per chiarirci. scrive sul blog per sfogarsi e cercare approvazione, che e’ diverso

  • anija ha detto:

    infatti, avevamo già discusso a voce di queste cose la sera prima… e io non cerco approvazione!

  • skinner ha detto:

    ah ok, allora cambia il discorso…

  • anija ha detto:

    sempre tutti a pensar male voi.

  • Ric ha detto:

    Ah bè, se ne avevate già discusso a voce ovviamente le cose cambiano… ma sai com’è, non è questione di pensar male, è che mi fai preoccupare, ogni tanto…

    (un Ric che ogni tanto si fa anche gli affari suoi ma non sempre)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.