a volte … penso a mia madre. Mi odia. Probabilmente fa bene, d’altronde non è che io le voglia tutto questo gran bene. Quando ho deciso di andare a vivere da sola, per tre mesi ho fatto telefonate agli annunci, ho lasciato in giro giornali tipo “il cercacasa” … ma lei non mi ha mai chiesto cos’erano, non se n’è mai preoccupata, tutte le ragazzine di 18 anni dicono che se ne vanno di casa ma poi ci restano fino a 25 anni. Io no, un giorno sono andata da lei e le ho detto: parto per la tunisia tre giorni. Al ritorno, alla sera, mi chiede se non disfo le valigie… le rispondo: tanto domani vado a vivere con il lacy. Si è arrabbiata, stranamente, ha buttato il mio letto giù dalla finestra del secondo piano … non l’ho più vista per tanto tempo dopo e la prima volta che è venuta a casa mia è stato dopo otto mesi … quando l’ho vista uscire dall’ascensore ho tentato di richiudere la porta ma mio padre s’è messo in mezzo. Erano venuti a consolarmi la vigilia di natale perchè io e il lacy ci eravamo lasciati. Mi hanno chiesto di tornare a casa, “che mettevano una pietra sopra al passato” (loro, come se io non dovessi mettere pietroni su tutte le loro stronzate) e mi hanno detto che la mia vita la potevo fare anche lì. Di risposta, mi sono accesa una sigaretta e presa una birra dal frigo … una lattina eh! E lei – con voce melensissima – “non è affogando nell’alcool i dispiaceri che stai meglio”. Per una birra! omiodio! gli ho detto che piuttosto che tornare a casa andavo a dormire sotto un ponte. Si è arrabbiata anche quella volta.
*angy’s family*

5 commenti

  • Alex ha detto:

    Angy sei una ragazza tosta…non farti mettere i piedi in testa dai dubbi…se hai fatto qualcosa è perchè in quel momento hai pensato fosse giusto…se pensi di aver sbagliato trai insegnamenti…crogiolarsi nei rimorsi dei “se” non porta a nulla…in gamba ragazza…

  • Worad ha detto:

    Questo post mi fa riflettere,

    mi fa capire quanto sono fortunato ad avere un bel rapporto con i miei genitori.

    Mi dispiace molto per tutto quello che hai passato e per quello che provi ora, spero solo che in futuro riesca a recuperare quel rapporto.

  • anija ha detto:

    beh un rapporto da recuperare non c’è mai stato. Ma questo non voleva essere un post triste … quello che mi è successo è comunque servito a farmi diventare la persona che sono, come tutte le cose. L’unica cosa triste nel discorso della famiglia, per me, è vedere persone che hanno famiglie bellissime e non se ne rendono conto … farei una pubblicità progresso su questa cosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.