Sono una stronza di prima categoria, stronza non nell’accezione post-moderna che si sta dando al termine – quella (assurdamente) figa, per intenderci – ma nell’accezione sfigata, quella che intendo io quando lo dico di qualcuno: stronza nel senso di estremamente stupida e tarda e un insieme di difetti non indifferenti.