Tra le altre cose, devo disdire fastweb. Appena saldo le bollette arretrate (appena mi versano lo stipendio, quindi), mando la raccomandata con ricevuta di ritorno in cui mi hanno detto di scrivere i motivi, e li elencherò con minuziosa precisione:

  1. Tempi di attesa ridicoli per l’assistenza (15 minuti).
  2. Tecnici incompetenti nel 90% dei casi.
  3. In seguito al trasloco della linea il mio indirizzo di fatturazione non è stato (erroneamente) variato, e sempre erroneamente il tecnico a cui ho segnalato la cosa non l’ha di nuovo cambiato.
  4. Non ricevo bollette, quindi, da 8 mesi.
  5. Non inviano gli avvisi di mancato pagamento in raccomandata con ricevuta di ritorno (come fa invece il resto del mondo) quindi se non li ricevi, sono cazzi tuoi.
  6. Appena hai un problema capita sempre che il tecnico ti dice di chiamare l’altro numero, che puntualmente è a pagamento. Dopo aver speso, quindi, 5 euro di botto al cellulare per questo numero, il nuovo tecnico con cui parli ti dice che era la stessa cosa chiamare il numero gratuito e che lo stronzo si era evidentemente sbagliato.
  7. Telefono per capire quali sono, queste bollette arretrate, e il tecnico si dimentica di dirmene una.
  8. I nuovi abbonati pagano 10 euro in meno al mese (io ho una tariffa molto vecchia, sono cliente da 2 fottuti anni). Se voglio avere la nuova tariffa, sono 35 euro per l’aggiornamento e la telefonista idiota mi tratta anche male quando chiedo se è questa la loro strategia di mercato con chi è cliente da così tanto tempo.
  9. Sembra impossibile parlare con qualcuno che 1) sappia cosa è fastweb 2) gliene freghi qualcosa se sei suo cliente o no 3) non ti tratti di merda.

In telecom gliene frega meno ancora: se vuoi tornare da loro il massimo che fanno è permettere la rateizzazione dell’allaccio linea (75 euro subito e poi 6 euro al mese per un anno, sti cazzi!). Però in telecom, a parità di disservizi, maleducazione e incompetenza, pago 30 euro in meno al mese. E se va via la corrente non mi salta il telefono.