Stamattina, mentre andavo a prendere il pullman (se dio vuole non pioveva, ha diluviato poco dopo) ho comprato il mercante, giornale di annunci.
Ho iniziato a guardare le case in affitto. Ne ho segnate 9 che potrebbero essere interessanti. Sempre qui a Biella, o nei dintorni in ogni caso.
Poi ho pensato: devo chiamare, chiedere innanzitutto l’affitto e vedere se sono ammobiliate o meno per quelle in cui non c’è scritto. E poi ho pensato: se chiamo e tutto va bene, la casa è economica e non è ammobiliata, si fissa appuntamento e vado a vederla. Sì, prendo il mio stupido pullman e vado a vedere la casa. E mi sono immaginata me, sola, che guardo la casa e che non so cosa dire e che penso tra me e me "è carina? potrebbe piacermi?" e mi guardo intorno e improvvisamente sale. La solitudine, dico. Non voglio andarci da sola. Sarebbe trippo triste. Vorrei chiedere a qualcuno, sprok o t. di accompagnarmi, di venire con me, ma temo che potrebbe essere scambiato per un ho bisogno di un passaggio in macchina.
Stare da soli, una volta a posto, è sopportabile. Ma a cercar casa soli ci son già passata e non è facile. Per me è impossibile. Non aver nessuno con cui valutare lati positivi e negativi, dire si però quella cosa lì è bella e ma quell’altra non mi convince. Non ce la farò.