dell’evoluzione delle mattinate

Ti svegli in pace con il mondo: è venerdì (e fin qui so che mi seguite in molti ;)). Ti prepari, invece di jeans e maglia a caso oggi ti vesti carina, gonna, calze di cachemire, maglia a righe viola. I capelli stanno da dio, manca solo un po’ di trucco e allora via agli smoky eyes. Nutri i gatti, metti la tua giacca preferita, gli stivali, ed esci. In garage un’altra macchina sta uscendo e ti accorcia quindi di 0,3 secondi i tempi perché non devi stare ad aprire il cancello con il telecomando. Arrivi in stazione, il sole appena spuntato già risplende in un cielo limpidissimo e il parcheggio è mezzo vuoto e pensi, ancora una volta « wow, che bella mattinata » ma è lì, a quel punto, che ti si insinua sotto pelle … il sospetto. Cosa diavolo ci fa il parcheggio mezzo vuoto? Perché quella macchina sta uscendo dal parcheggio? Non s’è mai visto. Mentre cammini verso i binari cominci a renderti conto che c’è il 400% delle persone in più rispetto alle solite mattinate. E noti che c’è un treno fermo sul binario morto. E cominci a temere il peggio, come sempre quando c’è un treno fermo al binario morto. E intanto pensi al tuo capo che s’era raccomandato puntualità, che hai mantenuto precisissima. Fino a stamattina. Fino a quando c’era elettricità sui binari.

4 commenti

  • Grande Puffo ha detto:

    Io non capisco come mai, in un futuro così tecnologicamente avanzato, riusciamo a mandare in tilt un intero micro/macro mondo lavorativo solo perchè non abbiam pagato la bolletta!

  • weigand ha detto:

    che culo, hai trovato subito parcheggio…

  • Pico ha detto:

    Ho letto gli ultimi tre post in successione. Lunedì: condivido in generale, ma non ho capito l’afa in ufficio: da me chiudono il condizionamento da venerdì notte al lunedì mattina, e non è mai alto comunque. Il lunedì mattina deve ancora andare a regime così risulta pure il giorno più freddo.

    Le foto: ho curiosato qua e là sul tuo spazio partendo da quelle sulla neve. Sono belle davvero, per la maggior parte le altre mi hanno dato una sensazione di cura del dettaglio e insieme di ricerca di “punti di vista tranquilli”. Gli altri post dimostrano che probabilmente è quel che cerchi, credo.

    Sui contrattempi…stendiamo il consueto vello peloso!

  • anija ha detto:

    ahahah, ahah, ah. AH.

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.