del buon anno nuovo

Leggo via mail un post di resoconto dell’anno passato. Dovrei farlo anche io, si suppone uno lo debba fare; si suppone che qualcuno non inizi l’anno in modo sprovveduto, ma pensando al passato, all’appena passato e sperando e segnando una lista per il futuro, l’immediato futuro. Ho aperto la pagina di gennaio cercando di pensare, nel frattempo, a qualcosa. Qualcosa di quantomeno poco triste, che magari mi rallegrasse anche l’insolita serata senza gatti; non ho trovato ovviamente nulla nella prima pagina e mi sono chiesta se sono davvero masochista fino al punto da voler rileggere anche solo un’altra pagina dell’archivio di quest’anno. Perché io non so se è per via dell’amarezza dell’ultimo mese, ma a me sembra che questo sia stato un anno tutto da buttare. Tutti i dodici mesi passati con e senza di lui; quelli passati con lui che mente, quelli passati con lui che non considera il mentire una cosa di cui scusarsi, quelli passati con lui a scoparsi altre due mentre io non penso ad altro che a un suo tornare sui suoi passi, quelli passati ancora ad ascoltarlo mentire, quelli passati pensando di essere sbagliata dall’inizio alla fine e cercando di cambiare e quelli passati a cercare di comprendere qual’era invece l’unica cosa sbagliata di tutta l’equazione. I mesi passati a cercare di dimenticarlo, sia che ci fosse o non ci fosse. Dodici mesi che non hanno portato a nulla, hanno solo tolto tanto – autostima, carattere, amici, allegria, voglia di svegliarsi al mattino. Tutte cose che faranno del prossimo anno un altro inutile anno passato a ricostruire, quando invece bastava non distruggere, non lasciar distruggere nulla. Non ho propositi, per il nuovo anno, ma solo futili speranze, desideri di poter tornare ad essere la persona decisamente migliore che ero prima che quel nome entrasse nella mia vita, di tornare ad essere qualcosa di migliore dell’ammasso informe di ossa e sangue che mi sento di essere adesso.

7 commenti

  • Lorenzo ha detto:

    A volte quando non si hanno propositi o idee è meglio.. così non si rimane delusi dal non essere riusciti a realizzarli. E poi si lascia spazio a loro cioè alle idee e ai propositi che senza nemmeno rendercene conto vengono essi da noi e tolgono la polvere da sopra i nostri giorni. La vita non si ferma mai…

  • Karen ha detto:

    "quelli passati pensando di essere sbagliata dall’inizio alla fine e cercando di cambiare e quelli passati a cercare di comprendere qual’era invece l’unica cosa sbagliata di tutta l’equazione." Conosco la sensazione..

  • dste ha detto:

    no dai, tu sei molto di più di un ammasso di ossa e sangue, molto molto di più! ne sono certo ciao e buon anno perchè ogni anno è un dono

  • alex ha detto:

    le esperienze fanno crescere e fortificano, purtroppo tutte le cose non vanno come vogliamo
    a volte il destino è avverso a volte non c’è un perchè succede e basta può essere difficile e triste ma è così vedrai che il tuo angelo lo troverai, lo meriti. Sorridi Anija, sei una persona
    fantastica e sei più bella quando sorridi.

  • mikina ha detto:

    No, quest’anno anch’io niente bilanci. A che pro?Per sottolineare il dolore, rimarcarlo?Come se avessimo bisogno di tenerlo a mente, come se non fosse già tutto ben presente. No, quest’anno no. Tanto, dubito che dimenticherò qualcosa. E la speranza, l’unica, è che il 2008 non arrivi ad assomigliare a quest’anno. In tal caso non so davvero cosa farei. Speriamo bene. Un abbraccio

  • efraim ha detto:

    ho fiducia nel fatto che ce la farai e in te, che, a mio umile avviso, appartieni alla nutrita schiera di persone che ci tengono a vedersi sempre peggiori di quel che sono

  • saruman ha detto:

    purtroppo il dolore trova sempre le sue vittime… importante è non lasciarsi sopraffare, sei una donna forte, hai dimostrato in molte occasioni il tuo carattere, ce la farai

Rispondi a efraim Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.