parcheggi e strisce

Lo stabile dove lavoro – una specie di cubo allungato completamente nero, sai che pacchia, d’estate – conta il mio ufficio, un paio di uffici al piano di sopra, un negozio, e un paio di uffici all’ultimo piano (da cui va e viene molta, molta gente). Collegato c’è un piccolo bar in stile, che ha sempre qualche cliente.
Dietro il mio ufficio c’è una palestra molto, molto frequentata, a qualunque ora. I parcheggi dietro il mio ufficio sono quasi sempre occupati, alle volte inaccessibili per macchine messe male. Di fianco al mio ufficio c’è un centro legno con un parcheggio enorme. Non è proprietà privata e non ho mai visto niente che dicesse riservato ai clienti, quindi io parcheggio lì, è mille volte più comodo.
Oggi arriva la cima del negozio (quello che quando gli avevo chiesto dei campioncini di legno per poterli confrontare con il legno del mio letto per fare delle mensole mi ha detto « non posso lasciarteli, deve portarmi un campione del letto », « certo, ha giusto una gamba in più che devo segargli… ») in ufficio a chiedere di spostare le macchine perché stanno dipingendo le strisce dei parcheggi. Certo, non c’è problema, dico; e esco per spostare la macchina. Un’uscita è bloccata da una macchina (e di passare sopra a 10 centimetri di muretto non ho proprio voglia); l’altra uscita è bloccata dal cartello lavori in corso. Mi avvicino, scendo dalla macchina e lo sposto per poter passare, con l’idea di rimetterlo in mezzo all’ingresso appena passata con la macchina. Arriva trafelato la cima del legno a dirmi « può rimetterlo a posto? » e altre cose che, a dieci metri di distanza, non sentivo avendo il macchinario delle striscie di fianco. Rimane lì impalato; mi avvicino e mi ripete di rimetterlo a posto; « ma devo uscire, lo rimetto a posto appena passo » « no, no, esca di là, ci è passato anche un camion » (dalla parte del muretto – ci mancherebbe che un camion c’è passato, di norma è un pochino più alto di una macchina); comincio a scocciarmi, voglio solo tornare in ufficio; « va bene, esco di lì. » « mi rimetta a posto il cartello! » « va bene … » (ma mettitelo a posto tu, che cazzo) « questo parcheggio però è solo per i clienti! io non posso fare avanti e indietro da tutti gli uffici ogni volta che devo fare dei lavori! » « ah,, non avevo mai visto fosse proprietà privata » « non lo è, ma c’è scritto riservato ai clienti! ». Ma dove, cazzo?
Ma poi, per la miseria, quando devono dipingere le strisce sotto casa mia, mica passa il sindaco a suonare a ogni casa e a chiedere di spostare le macchine! Mettono semplicemente un bel cartello la sera prima. Così nessuno parcheggia. Se non metti niente non puoi pretendere che nessuno ci parcheggi.
Appena ho un attimo esco a controllare se davvero c’è, questa cazzo di scritta « riservato ai clienti ». Se non c’è una sfuriata in negozio non gliela toglie nessuno. Ne ho pieni i coglioni di essere gentile senza stare a discutere e farmi trattare di merda.

7 commenti

  • brokentoy ha detto:

    go anija, go!
    io direi, dopo la sfuriata cogli l’occasione per prenderti il pezzo di legno che ti serviva

  • laludy ha detto:

    Scusa ma anche tu:non hai altro da fare che stare a dar retta a una testa di cazzo? Chiudi il finestrino, fai la manovra e se ti chiede perchè non le hai risposto dille che da piccola sei caduta dal seggiolone e ti è partito l’udito.

  • gmz ha detto:

    certo, ha giusto una gamba in più che devo segargli…

  • wuti ha detto:

    Io questa gente non la sopporto ma non così tanto per dire…fino a due anni fa pensavo di essere un eletto, ovvero uno di quelli scelti per rompere il cazzo alle persone così IDIOTE e poco dotate di BUON SENSO e fargli capire quanto enorme sia la loro stupidità.

    No, non sono medioman, e no, non posso rimuovere la stupidità dal mondo intero. Me ne sono dovuto fare una ragione. A mio avviso sei dotata di molto autocontrollo, io non sarei arrivato oltre alla richiesta del cartello da rimettere a posto….  =)

  • anija ha detto:

    · brokentoy
    Alla fine sono andata e gliene ho dette

    · laludy
    Sono troppo debole per resistere alla tentazione di un litigio in cui ho ragione

    · wuti
    Io? Autocontrollo?

  • valentine ha detto:

    La macchina e tutto ciò che le è relativo mi sta causando non pochi scazzi. Avrei reciso di netto la testa del genio. Proprio la sede di tutta la sua infinita scienza. Con una bestemmia.

  • anija ha detto:

    · valentine
    Il fatto che commenti solo quando riporto l’infinita stupidità di alcuni esseri umani è un fatto del tutto casuale?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.