l’ignoranza, quella vera

Dopo l’ennesima lettura da disgusto, volevo scrivere un post. Semplicemente per chiedere che almeno nel ventunesimo secolo, le persone istruite – almeno mediamente – la smettessero di accomunare tutti i destroidi come fascisti, come ignoranti, come persone a favore di qualsiasi guerra, come quelli che adorano Hitler. E di accomunare i sinistroidi come intellettualoidi, come quelli che mangiano i bambini, come « quelli che si vestono da no-global », come « quelli con i rasta », come quelli che adorano Stalin. Volevo dire, nel mio post, di smetterla di accomunare, di giudicare persone da una x senza nemmeno conoscerne il nome, l’età, la vita. E’ una generalizzazione ridicola: nemmeno un bambino delle elementari saprebbe farne una peggiore. L’aspetto, il modo di vestire, gli hobby e le passioni sono personali e non sono sempre sullo stesso binario inscindibile della propria opinione politica.

Poi ci ho ripensato. Dopotutto, le persone che conosco e che stimo, le persone che leggo e che dimostrano di avere un cervello, qualunque sia il loro orientamento politico, queste generalizzazioni non le fanno. Se parlo con un’amico (persona che quindi – per forza di cose – stimo e considero intelligente) di sinistra, posso parlare senza sentirmi « quella che vuole la dittatura ». E se un amico di sinistra parla con me, può parlare senza sentirsi « quello che vota a sinistra solo perchè gli piacciono i rasta ».

Quindi, quello che volevo chiedere sarebbe diretto esclusivamente ai cretini di entrambe le fazioni. A quelli con i paraocchi, a quelli che non sanno sostenere un’opinione politica se non insultando, a quelli che non discutono la loro posizione perchè la ritenono quella giusta in assoluto. E io, a sta gente, non ho proprio voglia di scrivere un post.

The e biscotti per tutti, questo è l’ultimo post di tema politico per questo mese, perlomeno.

31 commenti

  • sakazaki ha detto:

    Vuoi dire che fino al prossimo post semi-politico non avremo the e biscotti?!

    In tal caso dammene due ricoperti di cioccolato prima che finiscano, grazie

  • anija ha detto:

    I biscotti al cioccolato assieme ai popcorn?
    O_o
    Comunque ho fatto scorta. The e biscotti è una filosofia di vita, mica possiamo rimanere senza, eh, qui.

  • Claudia ha detto:

    Concordo. Anche se ho appena scritto un post con odio verso la sinistra.

  • Hari ha detto:

    Fondiamolo tutti insieme, mandiamo a casa questi professionisti della promessa, che dopo un anno e mezzo di legislatura si guadagnano la pensione di duecento operai.

    Poi, quando saremo lì al posto loro, daremo voce alle nostre differenze e le trasformeremo in ricchezza.

    Scusa il taglio patetico… ma sono avvilito dal ricordo degli ultimi 27 anni e dalla prospettiva dei prossimi 27.

  • Lex ha detto:

    Concordo in pieno.
    Il pregiudizio porta a rimanere vittime dei luoghi comuni, e non c’è cosa più distruttiva.
    Purtroppo in pochi sono in grado di andare oltre, e di fare osservazioni simili a quelle contenute in questo post.

  • Hari ha detto:

    E’ venuto fuori solo mezzo commento!

    Vabbè, the e pasticcini pure a me, grazie

  • Stefano ha detto:

    Eh, l’onestà intellettuale, ce ne vorrebbero vagoni. Intanto, tu rimani una persona con la quale è piacevole confrontarsi con le tematiche che, di volta in volta, ci mette in campo la vita. La politica è solo una di queste. Al prossimo the, dunque !

  • Nervo ha detto:

    Io vi odio tutti, voi fascisti coi rasta.

  • anija ha detto:

    · Nervo

    · Tutti gli altri
    Sapere che una parte degli italiani (e prendo questi commenti come campione) ancora ragiona, è rincuorante

  • silvia ha detto:

    non so che dirti, io son appena stata pisciata via blog da una che credevo un’amica solo perchè s’è accorta che "non sono di sinistra come lei"
    il mondo va al rovescio

  • sakazaki ha detto:

    @anija: non trovavo un faccino adatto

    @nervo: m’hai fatto morire!

    @silvia: su su, guarda io sono di sinistra ma un biscottino all’anice da pucciare te lo offro volentieri (tanto paga la padrona di casa)

  • Robi ha detto:

    Silvia: sinceramente penso che persone simili sia meglio perderle che trovarle. Come ho detto pochi commenti fa in un altro post, ho amici che votano estrema sinistra, io personalmente voterei MSI se non fossi più che certa che è una battaglia persa, e so che un’amicizia vera se ne frega dei tuoi voti.

    Sakazaki: tranquillo, tè e pasticcini non mancano mai, al massimo cucino io XD

    Nervo: mi unisco ad un sonoro

  • anija ha detto:

    Ecco, al solito, siamo noi capitalisti a mettere i soldi. Voi comunisti sempre a scroccare, eh? :roll:

  • sakazaki ha detto:

    La vita e’ fatta di classi sociali, mica e’ colpa mia se ti sei scelta quella che da e io quella che prende

  • anija ha detto:

    Shit!
    Hanno scritto un centinaio di commenti per confrontare le opinioni, e a te è bastato un pugno di parole per farmi capire che allora ho davvero sbagliato scelta!

  • Robi ha detto:

    Sakazaki: oh merda. Ho sbagliato anch’io, allora. Sono ancora in tempo? Anija, paga tu… che c’hai i soldi.

  • sakazaki ha detto:

    Ho il dono della sintesi

  • anija ha detto:

    · Robi
    Aspetta un secondo, mi calo nella parte.
    Angy indossa parrucca rasta, si mette un libro sotto il braccio, una pipa in mano e gli occhialini, si attorciglia una sciarpa enorme coloratissima al collo e indossa un ciondolo con il simbolo della pace. A questo punto esclama "Aspetta, che li chiedo al papy!"

    Sono andata bene?

  • Robi ha detto:

    Anija: sei una stronza. Non hai capito un cazzo…


    Manca la canna d’ordinanza!! Su, su!!

  • Svalvolina ha detto:

    io cerco sempre di rispettare le ideologie della gente, sia di destra che di sinistra….considero una persona da come si comporta con me e con il mondo..non per le sue idee politiche! ho molti amici con la A maiuscola che hanno idee politiche diverse dalle mie..è bello confrontarsi con loro e capire che sia a dx che a sx ci sono cose buone, oltre a molte idee secondo me sbagliate da entrambe le parti. Gli estremismi per me sono sbagliati sia da una parte che dall’altra. baci

  • sakazaki ha detto:

    Robi: e anche la maglietta rossa con il faccione del Che per essere proprio pignoli

  • Robi ha detto:

    Sakazaki: merdaaaa è troppo che non sono più nell’ambiente, non sono allenata a cogliere questi particolari… sai, sono abituata a camicie nere e saluti a mano tesa…

    Comunque credimi, se tutti quelli di sinistra fossero come te, sarei orgogliosa della vittoria di Prodi.

  • Liquidlullaby ha detto:

    Caspio, hai letto il mio ultimo post, dì la verità… eh, e mi è scappato… era uno sfogo innocente ^_*

    Comunque, ti capisco, c’è gente veramente intollerante.

  • wuti ha detto:

    Da uomo di sinistra sono profondamente offeso per il tuo post.

    Come hai potuto non includere le CANNE nello stereotipo di sinistroide?
    E le donne ingioiellate nello stereotipo opposto?
    Bah, non ci si crede.
    Ciao cara, sottoscrivo tutto il tuo post.

    Andre

  • Anya78 ha detto:

    sottoscrivo! nel mio ultimo post infatti mi ero dichiarata alquanto stufa di sentirmi dare della celebrolesa per il mio voto. ognuno ha la sua vita e le sue opinioni e, dato che io rispetto le idee altrui, mi farebbe piacere ricevere il medesimo trattamento. (scusa per il commento-fiume)

    un bacione

    ps: il tuo blog è sempre più bello e interessante

  • anija ha detto:

    · Anya78
    grazie rimando anche te al commento 9!

    · wuti
    Parliamo di canne? Quello è uno stereotipo di cui state solo cercando di impossessarvi. In verità…
    le canne se le fanno anche quelli di destra!

  • Thunder ha detto:

    Scusami se rispondo qui, ma non ho idea se sei solita continuare a controllare i commenti ai vecchi post. Ho letto la tua risposta, e temo di essrmi mal spiegato. La prima obiezione che sollevavo non era di stampo anti berlusconiano, ma semplicemente una risposta a quel che tu avevi affermato al commento n. 9 del precedente post:

    "Non so, io ho un contratto a tempo indeterminato. E per la cronaca, dissento pienamente su chiunque dica che c’è disoccupazione; perchè no, non c’è. C’è disoccupazione perchè non ci si abbassa. Perchè con una laurea triennale che non vale niente si pretendono 3.000 euro netti al mese o niente. Perchè se ho studiato per fare origami mi rifiuto di fare la cassiera. Perchè ormai la gente conosce così poco l’italiano che non sono in grado nemmeno di scrivere un curriculum. Perchè è più comodo starsene a casa a farsi rifocillare dai genitori che alzare il culo e andare a fare corsi gratuiti post-diploma e post-laurea."

    Ecco, volevo soltanto invitarti a modulare meglio la tua presa di posizione, perché in questo momento gente che, come tu dici, "alza il culo per fare corsi post-diploma e post-laurea" è assai numerosa. E nel frattempo fa pure la cassiera, il magazziniere e via concionando. Ma non è questa la soluzione del problema, a quanto pare, dal momento che il ritratto del precario tipo è quello di un/una trentenne laureato/a e masterizzato/a che viene pagato la bella media di 800 euro al mese. Ripeto, non è una critica a Berlusconi, ma alla tua nettezza di posizione. Ricorda che spesso non è vero che chi la dura la vince, sopratutto se fornisci alla parte avversa strumenti impropri con i quali tenerti testa. La questione dei co.co.co. credo sia nota a me meglio che a te, per il semplice fatto che, a quanto leggo sul tuo blog, hai poco più di 20 anni, per cui li subisci relativamente da poco. Chi, come me, li subisce in tutte le loro trasformazioni da 7/8 anni si è fatto un’idea più..articolata. Ossia: ma se io posso andare avanti così PER LEGGE fino all’età pensionabile, che razza di vita lavorativa avrò? E che razza di vita contributiva? E il mutuo? E la maternità? No, perché finché una donna è giovane il problema non se lo pone, ma poi esiste. Ho sentito dire appunto da Fini che nei contratti a progetto è stata inserita una pseudo tutela della maternità. Sarà. Ma cosa impedisce al progettista di non rinnovare un contratto (che spesso scade dopo pochi mesi) ad una mamma in attesa? Nulla. Bene. a quete e ad altre questioni, da destra (Fini compreso) non ho udito risposta, anzi, ho sentito dire che "la situazione dei precari è marginale". Non ci voleva un genio per dire "dobbiamo rendere FISCALMENTE poco convenienti questi contratti", perché flessibilità vuol dire poter disporre di maggior apporto lavorativo nei picchi di produzione, di maggiore disponibilità a mobilità e turnazione, non risparmiare sulla contribuzione e sui diritti di chi lavora. Ma questi, non so come mai (e non lo so davvero…), sono considerati argomenti di sinistra, per cui la destra neanche risponde. Bene, scusa la lunghezza e l’inevitabile tedio. Prometto che in futuro tenterò di essere meno prolisso. Sono avanzati dei biscotti?

  • Robi ha detto:

    Wuti: ma infatti, non è imbarazzante?

    Anija: no cara, se sei tossica son problemi tuoi, ma le canne sono di sinistra!!!

  • Chiara ha detto:

    Il vero problema sono quelle persone che vanno in giro a sfoggiare la loro tendenza politica come potrebbero sfoggiare un paio di scarpe nuovo.
    Si "gasano" dicendo di essere o fascisti o comunisti; inutile dire che sono questi i veri ignoranti. Eh ahimè, sono quasi tutti adolescenti; non dico che sia necessario tenere le proprie idee politiche per sè, anzi, il dialogo è sempre bene accetto, ma c’è modo e modo di esprimere la propria tendenza.

    Comunque, grazie per i complimenti al blog di grafica. =)

  • Il_Beneficiato ha detto:

    Mi piace il tuo pensiero trasversale. Ciao

  • spamo ha detto:

    anija, ora più che mai c’è bisogno di gente come te

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.