della vita e dell’amore

Volevo dire, ricordare, che amo la vita, amo ogni istante di vita, un po’ perché è una bella cosa in sè, un po’ perché so che è l’unica cosa cui giriamo intorno, l’unico punto fisso che può avere un essere umano, la propria vita. Come una casa, che ama le sue fondamenta, o un capitello che ama la sua colonna, o un fiore che ama il suo stelo.
Mi maledico spesso e mi autocompatisco per aver, in passato, pensato che fosse una cosa inutile, pensando che fosse solo un passaggio, un mezzo, pensando che avrei potuto farne a meno. Incredibile. Vorrei aver saputo dieci anni fa le cose che so adesso, le cose che penso ora: mi sarei evitata certo mille dubbi esistenziali e gesti senza senso, stupidi e pericolosi.
La amo, ma, in sere come questa, la sento come si può sentire un amante troppo opprimente, o spesso assente. E’ un amore che, in notti buie e fredde e così dannatamente silenziose, diventa un’amore combattuto, tormentato, terribilmente stretto. Che ti viene da dire che piuttosto che amare una cosa così, preferiresti non avere niente da amare. Ma sono solo parole buttate in aria in momenti di debolezza, e sai che il giorno dopo tornerai sui tuoi passi strisciando e chiedendo scusa e ammettendo che preferisci amare, ad ogni costo.

4 commenti

  • Very Potter ha detto:

    "Vorrei aver saputo dieci anni fa le cose che so adesso, le cose che penso ora: mi sarei evitata certo mille dubbi esistenziali e gesti senza senso, stupidi e pericolosi"

    Se prima non avessi avuto mille dubbi esistenziali e fatto gesti senza senso, stupidi e pericolosi di certo non saresti la persona che sei adesso, le cose si imparano crescendo, rinnegando il passato è come se rinnegassi quello che sei adesso e risulta anche un pò infantile

    Bacio!

  • Marco ha detto:

    Amo tutto ciò che è stato

     

    Amo tutto ciò che è stato,

    tutto quello che non è più,

    il dolore che ormai non mi duole,

    l’antica e erronea fede,

    l’ieri che ha lasciato dolore,

    quello che ha lasciato allegria

    solo perchè è stato, è volato

    e oggi è già un altro giorno

    (Fernando Pessoa)

    Credo "bastino" le sue parole

  • anija ha detto:
    le cose si imparano crescendo, rinnegando il passato è come se rinnegassi quello che sei adesso e risulta anche un pò infantile

    ma io non ho affatto rinnegato il passato…
    quello che intendevo deriva da una discussione e riflessione circa quanto sarebbe più semplice e corretto avere certi valori istintivi, dalla nascita, invece che impararli più avanti.

  • SmilingSoul ha detto:

    Potremo ancora giocare la partita del tempo

    magari colorare qualche cartolina

    e nelle notti future buttarci via, tenere il cuore lontano dalla nostalgia

    e questa voglia di caldo che arriva piano

    e questa sete di vita che prende la mano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.