La planetaria oggi è alla sua terza prova sul campo. Il primo uso è stato per i cupcakes, ma non era una prova: se li so fare io, ovviamente li sa fare anche lei. La prima vera prova è stato uno dei miei grandi limiti: la panna montata. Non c’è mai stato verso che io riuscissi a montarla, fresca, pastorizzata, uht, non cambia nulla; posso fare sei chili di maionese, ma non posso montare 1gr di panna. E invece lei c’è riuscita! Planetaria 1, angy 0. La seconda prova è stata l’altro giorno: la pasta frolla, altro limite. Dalla regia mi dicono sia venuta buona, non si sbriciola e tutto. Io ho avuto non poche difficoltà a lavorarla, ma confido fosse per il caldo. Ci riproveremo con un po’ più di frescura. Oggi la terza prova, quella definitiva,  il mio limite per eccellenza: non riesco a impastare. Pizze, foccace, pane, croissant, tutto ciò che dev’essere impastato a me vien fuori in un solo modo, questo. Adesso ho appena messo a fare la prima lievitazione l’impasto per quella che per oggi pomeriggio dovrebbe essere una focaccia. Vediamo se facciamo l’en plein!