Oggi ho sfruttato l’ultima pausa pranzo prima della settimana libera ferragostiana per fare il mio primo shopping da lush.
Non sono mai stata convintissima di questi prodotti naturali, ma tra tutte le amiche che li osannano, i miei capelli che non si sono ancora affatto ripresi dalle tinte e la pelle che tra un po’ cambio come un serpente, ho pensato di dargli una possibilità… tentar non può nuocere più di così!
Il bottino è: crine tempestose così magari i miei capelli si ricordano di essere ricci, capelli d’angelo per fargli smettere di credere di essere paglia, labbridisco e magari riesco a non sembrare reduce di un pugno in faccia con le labbra sanguinanti, rispetta i piedoni e un paio di scrub esfolianti:questione di peeling e cantando sotto la pioggia .
Quando la tipa me li ha fatti provare, mi ha sciacquato e asciugato la mano, ero pronta a comprare il negozio. Quando mi ha attorcigliato una ciocca per provare crine tempestose ero pronta a sposarla.