E’ che faccio così fatica ad abituarmi ai cambiamenti.
Nonostante il necessario taglio di capelli, questa coperta di stranezza resta ferma qui. Arrivo a casa, prendo la metro, compro le sigarette, e niente di tutto questo sembra reale. Quando finisce la giornata e vado a dormire, sembra quasi di dover ancora tornare, proprio questa parola qui.
Dopo tutti questi traslochi uno pensa di essersi abituato, invece è sempre peggio.
C’è pure il lato positivo che sembra di essere sempre in vacanza, ma a me le cose indefinite mi lasciano stranita, svampita e stanca.