Quindi, da qui a Natale (o meglio, alla vigilia) io devo andare ancora a cercare le orecchiette per il casco della moto, ricevere i biglietti per mia madre, ricevere la tazza per mia sorella, impacchettarle, labellare tutti i pacchetti, fare 24 cupcakes al cioccolato decorati natilizialmente (ma almeno le decorazioni le ho già fatte in questi giorni), provare a preparare la guacamole e la panna acida e se funziona portare gli ingredienti insieme a coriandolo e decorazioni avanzate per il pandoro, fare i biscotti al cioccolato (e tutto questo prevede anche fare la spesa), impacchettare i pacchetti, impacchettare i vestiti, impacchettare i gatti, impacchettare la sua roba in modo da partire appena torna a casa da lavoro e andare a Biella e stramazzare a terra morta.