Mentre io passo le nottate a decorare i miei cupcake con effetto pizzo, apre un negozio di, indovinate?, cupcake, bravi, a due passi dall’ufficio. E jd ha pure il coraggio di dire che gli dispiace ma deve ammettere che sono buoni mentre ne addenta uno. Lo assaggio e gli spiego che non è un cupcake perché non ha la consistenza di una torta e grazie al cazzo che è buono, è ricoperto di crema di burro al cioccolato. Anche i miei, quando li ricoprivo così, venivano una spanna sopra tutto il resto, ma sapendo quanto burro mettevo in questa fantomatica crema di burro non potevo, veramente, continuare. Noi siamo deviati dall’idea che le cose con il burro non è che siano burro, la burrata, etc. La crema di burro, signori, invece, è burro. Burro con zucchero e basta.