dell’essere stanca

Alle volte sembra che il problema siamo noi che siamo troppo esigenti. Perché un trilocale (anche con terza camera cieca), uno sgabuzzino, il riscaldamento autonomo, vengono posti veramente come capricci da parte di chi ci presenta le case. Oggi vedo questo annuncio: vicino casa mia – quindi il paese va bene – appartamento in villa (ma è una palazzina, non una villa), 65mq, tre locali. Travi a vista. Niente giardino, ma su questo punto siamo pronti a sacrificarci. Sembra piccolina ma ha tre camere, vale un tentativo; chiamo e chiedo appuntamento e se intanto ci inviano la cartina. Arriva.
Sembra bello e ben organizzato. Due balconi. Le “travi a vista” stanno per “mansardato” ma sembra alto. Siamo già contenti di andare a vederlo. Poi riguardo meglio… e il bagno è cieco.
Cioè. 175.000€ per 65mq e il bagno non ha la finestra. Ah, però ha il parquet in tek e in sala e in camera – quando si dice le priorità, no?

8 commenti

  • Silvia ha detto:

    Oh, come ti capisco…siamo in giro per appartamenti anche noi. Stessi problemi. Trovi case con mega vasca idromassaggio e parquet…e lo “studio” era 1m per 1,5m…aprivi la porta…e quella era la larghezza della stanza, volevo vedermi a farci entrare una scrivania. Cercare casa è esaltante la prima settimana, poi ti viene da chiederti se faresti prima a costruirtela come la vuoi direttamente tu. Con i Lego.

  • chiara ha detto:

    santissimamad* ma è la stanza che più di tutte, in casa, ha bisogno di una finestra…. non c’è limite… forse i precedenti proprietari erano soliti espellere violette…. (per non parlare del problema muffa-umidità….)

    • anija ha detto:

      No la cosa pazzesca è che è NUOVA. Che nel 2010 costruiscono ancora cose così.
      Anzi, mi sembra pure peggio, le spacciano per ambienti signorili puntando sul fatto che le persone, le coppie che nell’hinterland hanno bisogno di case a prezzi ragionevoli sono tante, le case poche, e ti fai andar bene quello che trovi. :|

  • anija ha detto:

    Certo, esiste anche il regolamento sulle finestre per metro quadro, no?
    Eppure la camera in tavernetta non abitabile senza finestra ci provano a rifilarla

  • marco ha detto:

    purtroppo i prezzi delle case hanno raggiunto dei prezzi così inaccessibili che le uniche case che si riescono a vendere sono quelle dalle proporzioni minime e indispensabili alla sopravvivenza. Se ti può consolare saperlo, generalmente i regolamenti edilizi e di igiene escludono che ci sia solo un bagno cieco; nonostante ciò a Milano è possibile che lo sia purché l’appartamento non superi i 70 mq e abbia una sola camera (art. 48 del regolamento edilizio).
    Sono convinto che la cosa migliore sarebbe costruirsi la casa proprio come la si vuole a patto di avere già il terreno, trovare l’impresa giusta che non ti spenna e avere un’infinita pazienza per seguire (controllare) tutti i lavori con cura e puntigliosità. Un po’ come vincere la lotteria insomma…caso mai avessi bisogno di un architetto comunque fammelo sapere (certo, non per il progetto…è che almeno so che hai vinto la lotteria! :p)

    • anija ha detto:

      Noi la casa costruita su misura l’abbiamo avevamo il terreno e l’impresa “familiare” e abbiamo scelto fino all’ultima piastrella, punto luce e dettaglio.
      Purtroppo non possiamo passare due anni a pagare mutuo di costruzione e affitto nell’attesa che la nuova casa sia abitabile, quindi siamo rassegnati a prendere quello che troviamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.