Venerdì ho passato la giornata in ufficio con il riscaldamento spento, perché era la giornata del risparmio ecologico o come si chiama. Insomma, ho fatto la mia parte. Poi a cena eravamo da amici e mica potevo pretendere che spegnessero le luci. Sabato era la giornata del “regala un farmaco” o come si chiama, e io ero già d’accordo con la dolce metà per andare a donarne uno mentre lavorava. Poi arrivata alla macchina ho scoperto che un simpatico scassinatore mi ha semplicemente tolto la serratura dalla porta, tolto l’autoradio senza fare danni, aperto il cruscotto, preso il frontalino, chiuso il cruscotto, schifato ogni altra cosa nella macchina, anche i pacchetti regalo che vabeh, stavano in mezzo a pile di giornali, scottex, bottigliette di antigelo, guanti spaiati e fazzoletti, e se ne è andato. Ecco, e con questo ho fatto la mia beneficenza della settimana.