Il problema principale della palestra non sono i pantaloni normalissimi di cotone e lycra a 45€ e nemmeno il tentativo di vendermi una maglietta nera normalissima a 28€. Nemmeno l’abbonamento pagato anticipato per un anno intero e nemmeno la scocciatura del certificato medico da fare. Sono le scarpe.
Datemi delle scarpe con tacco, e io avrò un parere. Belle, brutte, orribili, meravigliose, e considerando che, a me, i miei gusti piacciono, va bene così. Però portatemi in un negozio di scarpe sportive e buio totale; come per gli occhiali. Non so dire cosa è bello e cosa no, davvero. Non riesco a farmi un’opinione. Per questo voglio sempre andarci con qualcuno, per avere il suo parere, che sarà poi l’unico che seguirò.
Questa volta invece mi tocca, dopo un giro veloce ed infruttuoso nel solito negozio costosissimo di Biella, cercarmele da me. Il problema enorme è che nel caso non si sappia, io ho la fobia dei piedi grandi. Ho un 38, che dicono sia un numero normale, ma mi sembra di avere delle specie di piedi da clown; per questo metto solo scarpe con tacco e solo con la punta rotonda; io adoro mettere pantaloni a zampa e scarpine rotonde perché così i piedi proprio non si vedono. Avrei dovuto nascere in Cina qualche anno fa, lo so :(

[update, ché sto post l’ho scritto la settimana scorsa. ho trovato le scarpe per me. ora si  tratta di trovarle in un negozio, provarmele, e farmele ancora piacere.]