Ho svitato il tappo e avvicinato la bottiglietta alla bocca, iniziando a inclinarla. Nell’eterno secondo quando il liquido ha iniziato a scendere prima di toccare la mia lingua ho temuto, no, anzi, sono stata sicura, di aver sbagliato bottiglia e di stare per ricevere un ondata di salsa di soia e ho desiderato incenerirmi all’istante. Poi la bocca si è riempita di gelido e buono Thè Verde. Più buono del solito, perfino.