Sono visibilmente irritabile. E dire che invece il weekend è andato bene – per quanto assolutamente privo di connessione – almeno nei limiti di quanto mi posso augurare io, persona poco ottimista. Stamattina invece il nervoso è arrivato strisciando, forse con un varco già aperto ieri sera su certi argomenti che mi urtano. Non ci posso fare niente. E’ tutto sbagliato, come mi sento, riguardo questi argomenti, lo so – però è così, e quando mi sento sconfitta in qualcosa le mie difese s’alzano da sole, e sono, appunto, un muro di irritabilità. E’ tutto così dannatamente difficile, o forse no, forse è proprio perché non è difficile per me che sono così. E’ primavera. Durerò parecchio, anche quest’anno.
E in mezzo a questo, ai problemi reali, si aggiunge il fatto che sono sgomenta e sempre più stanca di cosa vedo facendo questo lavoro e con quest’hobby, questo qui dei blog. Di che genere di persone vedo. Veramente sgomenta e sconfortata, perché danno una rappresentazione della gente che poi è reale veramente, veramente triste.