Certe cose non si dicono ad alta voce. Certe cose si dicono solo a chi si deve (pochissimi), a chi si vuole (pochi) e le si accenna ridendo ad altri e basta; quindi ne parlerò nel momento in cui saranno fatte e finite, ché pensarci prima porta solo male. Però, ecco, insomma, nemmeno due mesi dall’inizio dell’anno e a me già sembra di aver raggiunto una soglia di felicità niente male. Che si parli di vita sentimentale che finalmente ha davvero qualcosa del sentimentale, sia che si parli di vita lavorativa che di vita in generale. Sto bene, il lavoro dà grandi soddisfazioni – alla faccia di chi sembra tenti in tutti i modi di privarmene, ma io vi cammino sopra a voialtri – e questi 31 giorni di gennaio mi hanno dato più di tanti, tanti anni passati.