Il pranzo è ancora tutto qua che si arrampica su; vorrei che in questi uffici i bagni fossero sufficientemente insonorizzati da poterlo rinnegare e sentirmi leggera quantomeno fisicamente. Perché in biglietteria era tutto esaurito per domani (e se qualcun altro dice che potevo aspettare ancora un po’, potrei diventare violenta). Perché il lunedì le cazzate degli altri sul lavoro mi pesano più che gli altri giorni, soprattutto quando devo essere io a metterci una pezza, o anche solo a preoccuparmene. Perché domani pomeriggio sono in ferie, e preferirei lavorare – diciamo – un milione di volte di più, visti i motivi per cui sto a casa. Perché detesto i medici e detesto chi non sa nemmeno dove vive, detesto chiamare l’Avis per chiedere i documenti da donatrice e parlare con una che mi dice che posso andare non ho ancora capito che giorno in via 26 aprile circa 90 (vedi: 25 Aprile 115). Perché non posso fare a meno di incolparmi di alcune cose, ed ho ragione, ma vorrei poter chiedere indulgenza. Perché non riesco nemmeno a finire il post, vorrei solo avere un divano in cui rannicchiarmi mezz’oretta per sfogare quello che so e quello che non so.

I used to rely on self-medication,
I guess I still do that from time to time.
But I’m getting better at fighting the future,
"Someday you’ll be fine.."
Yes, I’ll be just fine.

Tell me that you’re alright,
Yeah everything is alright.
Oh please tell me that you’re alright,
Yeah everything is alright.