Eccomi qua, seduta circa a metà sala del teatro della luna – alla faccia dei nomi evocativi – aspettando che inizi, con già cinque minuti di ritardo, il mio musical preferito.