Non riesco a smettere di ridere. Sono giorni così.
Com’è che si dice? « ridere per non piangere ». Se ci fossero i miei, butterebbero lì un assolutamente senza senso « sa s’gigna nen par ‘lo cas mangia ». E’ che rido per ogni scemenza, davvero. Anche leggendo Harry Potter. Ho come un sentore che il collasso è vicino. (lui non ha risposto al mio ultimo sms ed è ora e a me che serverebbe un giratempo per evitare di mandarglielo.)