Forse al mio stomaco farebbe semplicemente meglio smetterla drasticamente con l’immaginare che ogni persona sia l’incarnazione dell’Enigmista, una qualche specie di vipera con orrifico doppio volto pronta ad attaccare nascosta dietro un sasso.