La torta cuoce nel forno. Tra poco profumerà tutta la casa. Io intanto ascolto i Baustelle e cerco di decidere se fare anche la mia speciale torta di mele, i biscotti o niente. E’ un’ardua decisione. Intanto la cucina sembra un accampamento scampato non si sa come al peggior tornado degli ultimi dieci anni.  Lavare i piatti mi calmerà ancora di più, e ridiventerò quasi normale. Non come prima, nel parcheggio, quando avrei voluto sbattere la testa contro il muro fino a fare un buco. In uno dei due. Domani forse salta la grigliata. E’ da stronzi sperarci? E’ che non ci voglio andare. Ho finito la sigaretta.
Vado.