Sarà la partecipazione al femcamp, sarà il lavorare in un ufficio a prevalenza femminile e su un progetto totalmente femminile, saranno i recenti acquisti di scarpe estremamente femminili. Saranno gli ormoni, sarà la primavera. Sarà l’orgoglio ferito che punta a tirare fuori quella femminilità così latente. Sarà qualcuna di queste cose ad aver fatto sì che ieri sera, quando *lui* è arrivato alle 22:30 invece che alle 19:00, ho preso il pacchetto di sigarette che mi aveva comprato e gli ho reso noto che poteva anche tornarsene da dove era venuto. E’ che aspettare tutto quel tempo mi ha fatto sentire poco amata. E ho passato la serata a guardare telefilm e mugugnare. Sto diventando un mostro.