E’ una fiction? Una soap-opera?
Ma cosa ci trovate di divertente a leggere i miei post, i post dei miei amici, dei miei nemici, e poi cercare di ricostruire le retro-storie come se fosse un fotoromanzo?
Vi rendete conto di essere più rivoltanti di un verme morto? Sì?

Volete sapere i retroscena più scabrosi? Non c’è stato nessun tradimento, con nessun blogger. Forse è per quello che gli ipotetici bersagli non hanno scritto niente sul loro blog. Ci sono stati dissapori, con un paio di blogger che al momento andavano al di là dall’essere semplici blogger, sì. Per una questione di divergenza di moralità. E adesso che sapete queste due succulente notizie, siete vicini all’orgasmo? O la notizia vi lascia indifferenti come a un normale essere umano?
Parlate di me, di noi, come se fossimo figurine. Chi si è fatto chi, chi ha tradito con chi, chi sta con chi, e, peggio di ogni cosa, chi farsi amico per. A chi leccare il virtuale culo. Fate schifo come poche cose al mondo. Sul serio.

  • Io e Brian (http://brian.iobloggo.com) stiamo ancora insieme.
  • Brian ha chiuso il suo blog in seguito ad un commento poco gradito di un mio amico (rigorosamente non blogger) che lui non apprezza affatto.
  • Io qualche tempo fa ho scritto di aver letto le email di Brian. E’ vero. E da quello è conseguito l’allontanamento dal gruppo di blogger dei raduni con cui si era formata una discreta cerchia sociale semplicemente perché Brian tende a socializzare più di me con le persone, soprattutto con loro, e quindi sicuramente erano tutte o quasi tutte persone (persone! vere! vive!) che avevano sentito le sue lamentele sulla nostra storia e che quindi non avevo piacere di ritrovarmi davanti. Solo per una questione di fastidio nel ricordarmi la vicenda.
  • Lapitzi, così come Lucretia, hanno ascoltato per mesi le sue lamentele, i suoi pseudo insulti se si considerava la durata della nostra storia e il mio ruolo in essa (perché per me, dopo aver fatto sesso più di un centianio di volte ed essere stata insieme per più di due anni, sentirmi chiamare "l’admin" nel contesto "devo passare il weekend con l’admin, che palle" è un insulto bell’e buono) e al contempo hanno letto il mio blog privato ed ascoltato direttamente le mie confidenze in cui non facevo altro che chiedermi perché lui fosse strano senza battere ciglio. E’ questa la loro colpa. Eh già. Niente tradimenti interregionali, purtroppo per voi! Niente omicidi con cadaveri negli armadi. Niente orge. Solo una divergenza morale. A loro sembrava giusto così. A me no.
  • LaLudy, la stavo quasi dimenticando. Brian e lei si sentivano al telefono. Il mio sesto senso mi diceva da mesi che c’era un’altra e, ahimé, ho sbagliato persona. Mi sono insospettita. Lei con un atteggiamento ancor oggi a me incomprensibile non ha fatto altro che fomentare i sospetti per poi trincerarsi dietro un « sono cazzi miei ». E basta. E tutti vissero felici e contenti, non era lei la blogger di cui era infatuato il mio indeciso uomoblogger.
  • Volete sapere chi era? Era qualcuno che ha conquistato il suo cuore ballerino dopo un paio di email, una foto ed un alter ego. Una blogger. Curiosi? Se volete vi lascio il mio paypal. Per 50€ vi svelo il nickname della blogger seduttrice.

E’ tutto. Almeno, se il bollettino ve lo faccio io, non sprecate tempo a ciarlare tra voi.