Il trasloco è rimandato a questo giovedì. Non ce l’avrei fatta, fisicamente, mentalmente e temporalmente a farlo questa settimana. Tanto più che in ufficio c’era pure da finire una parte urgente del portale.
La casa nuova è perfettamente pulita, i vetri si direbbe nemmeno ci siano talmente sono lindi e limpidi, i pavimenti hanno perso quell’aspetto sabbioso che avevano, il bagno sembra l’arsenale di una ditta di pulizie, completamente occupato da prodotti diversi. Almeno, finalmente, li ho usati tutti, anche la fantomatica polvere Cillit Bang!, uno dei prodotti più acidi e corrosivi che abbia mai avuto tra le mani, utilissima sulle macchie di calcestruzzo ormai solidificate sui pavimenti, le tira via che nemmeno una spatola potrebbe far di meglio.
Stasera vado a finire di pulire il balcone, giusto in tempo per metterci i super mobili Ikea tullerö in super offerta che ho visto l’altro giorno: 99€ per tavolo, due sedie e una panca a due posti; per essere così economici saranno fatti di paglia (anche se lì dice acacia). Li andremo a prendere il giorno di inaugurazione dell’Ikea più grande d’Italia, qui a Corsico :)
Le buona notizia è: martedì arriva il tecnico Enel Gas a installare il contatore, si presuppone quindi che entro il giorno del trasloco disporrò di acqua calda e riscaldamento. Non ci avrei scommesso un cent.
La cattiva notizia è: a sentire l’agenzia, il costruttore della casa aveva predisposto gli spazi per i cavi elettrici e quelli per i cavi telefono, peccato che l’Enel abbia usato quelli del telefono, non permettendo così l’installazione del telefono. Sarò senza per almeno un mese. Forse due. Senza internet. Per due mesi. No. E’ un concetto che non riesco ancora a focalizzare bene … per fortuna.
La buona notizia è: un amico di famiglia, un prete (con cui non si può dire non avessi nulla in sospeso…), ha lasciato in eredità una macchina ad amici molto stretti. Che non sanno che farsene e pensano di darmela, semplicemente, così, a gratis.
La cattiva notizia è: tornando dall’Ikea l’altra sera (potevamo forse perdere lo svuotamento magazzini con sconti al 65%?) siamo andati a lasciare tutto nella nuova casa e poco più in là, al centro del paese, di fronte al cimitero, in un parcheggio, quello che sembrava un divertente e folcloristico falò si è rivelato, osservando più da vicino, una macchina in fiamme. Che posticino tranquillo, eh?