Non avendo amiche femmine, io la festa delle donne l’ho passata con un uomo. Al multisala, tanto per bandire qualunque intenzione di festeggiare. E ho anche rifiutato la mimosa offerta al ristorante perché, checché ne dicano alcune, le mimose puzzano da far vomitare.
E cos’ho trovato, a parte un film che avrei preferito non vedere (due di uno, fabio volo, peraltro nemmeno reso piacevole dalla sua presenza visto che ha il barbone ed è ingrassato come un maiale)? Frotte e frotte di donne in tiro (ma siamo in un cinema!), paillettes luccicanti a perdita d’occhio, in giro in branchi improbabili, casinari e inguardabili; la festa delle donne, a quanto pare, è dedicata chi ha un solo giorno all’anno per sentirsi tale, visto che le donne vere sono rimaste tutte a casa.