Io non riesco a capire. Prima mi viene tolto il permesso di lettura per motivi che non mi vengono spiegati dicendomi esplicitamente di farmi i cazzi miei (come se fossero di qualcun’altro) e utilizzando frasi come « per adesso è meglio così » « forse mi sbaglio ma preferisco non rischiare ». Ora, dopo un po’ di tempo, rifaccio richiesta chiedendo se i motivi – a me ancora sconosciuti – sono decaduti e posso leggere. E nemmeno mi risponde, mentre cancella la richiesta. Ora, la seconda richiesta in cui le chiedo cosa cazzo ho fatto di così grave da non rivolgermi nemmeno più la parola, invece di cancellarla la tiene lì, ma senza rispondere.
A me della gente virtuale non importa molto; si conoscono più stronzi e coglioni che altro, proprio come nella vita reale. Però almeno avere il coraggio delle proprie azioni, il coraggio necessario a spiegarle perlomeno all’interessata, quello ce l’hanno perfino i miei gatti. Non ci vuole molto. Solo un po’ di buonsenso.