Ho visto una casa; è nel paese dei miei sogni (ahah – ne ho visti forse 100 metri, del suddetto paese, e sono certa che dopo averci vissuto sei mesi lo odierò, però al momento è il paese dei miei sogni); è vicino a Milano e vicino a *lui*, proprio dove sto cercando io. E’ in uno stabile di nuova costruzione il che significa porta blindata, impianti a norma, infissi degni di tale nome, pareti intonse, pavimenti guardabili, tapparelle elettriche, tranquillità della zona, tante coppiette come vicini, isolamento dal centro del luogo. Il nome della palazzina sarebbe Lilium.
Insomma, è un segno divino, no? O no?
Ci mancava solo ci fosse il mio nome sul campanello. L’affitto è alto, molto alto. Mia cugina non risponde al telefono. Se non la rintraccio non posso chiederle se è interessata al mio attuale appartamento e se non lo so non posso iniziare la trattativa (visti i sei mesi di preavviso che dovrei allora dare) e se non posso iniziare la trattativa non posso sapere se l’offerta d’affitto che faccio sarebbe accettata e se non lo so non posso iniziare a preoccuparmi sul dove trovare i circa tremila euro necessari per cambiare casa (che comprendono: caparra, prima mensilità, compenso agenzia, volture varie).
Mi sembra che lo stomaco mi stia scivolando lentamente fuori passando dalle orecchie, mi dica dottore, è normale?