quel tasto dolente, eri tu

Leggo post (bellissimi post) che parlano di autunno. Qua da noi le maglie si vedono da metà agosto, ieri sera ha piovuto e oggi il cielo è meravigliosamente freddo e pulito, e l’altra pressione si vede ad occhio nudo guardando gli impianti sciistici chiari come se si potessero toccare. Stanno tutti tornando alle loro abitudini, ai loro ritmi, io invece me li sto lasciando alle spalle; ieri ho fatto l’abbonamento mensile per Milano. Tra pochi giorni inizierà un mese di treni; 40 treni, 53 ore di treno in tutto. Leggerò, imparerò a fare la maglia, disegnerò, scriverò, cosa farò in quelli che già ora mi sembrano viaggi interminabili? Se non ci fosse il cambio treno a metà strada dormirei volentieri; dovrò comprarmi un lettore mp3, per forza di cose.
Questi sono i pensieri che ho, in questi giorni. E annegano tutti in un assurdo ma comprensibile senso di irrealtà quasi totale. Non rimane quasi spazio per pensare all’autunno, all’autunno a Milano, alla realizzazione di parte dei miei tanti sogni, alle novità. Capita di stare sveglia tutta la notte immaginando quanti nuovi negozi ci saranno in cui comprare cose che ho sempre voluto e che in questa cittadina vecchia e borghese non ho mai trovato, a pensare quanto mi sentirò meglio con me stessa in una città dove esiste una realtà normale e non dove la quasi totalità dei locali, dei negozi, delle persone sono tutti mezzi ereditieri di fortune altrui e quelli che non lo sono vengono sistemati in banca ad ammazzarsi di straordinari per comprarsi la loro 157 e le loro scarpe di Prada. Rimango sveglia intere notti. E io non amo affatto non dormire. Ieri sera, stesa sul letto, avvolta nell’accappatoio, sono bastati pochi minuti perchè non sentissi più quasi nessuna parte del mio corpo, come se galleggiassi sul pelo dell’acqua. Sono esausta.

4 commenti

  • brokentoy ha detto:

    beh, io per il primo anno di università ho fatto due ore e 20 di treno al giorno, cinque giorni a settimana…
    e dato che un lettore mp3 non l’avevo, la prima settimana mi son riletta tutto berserk, e le restanti ho scoperto nuovi modi d’ingannare il tempo, tipo osservare le persone, o fantasticare su tutte le stazioni che attraversavo pensando che in realtà sono cittadine a poche decine di km dal mio paese e che non ho mai pensato nemmeno di visitare. uscendo dalla penisola sorrentina tutti i giorni ho capito quanto fosse minuscolo il posto in cui vivevo, e quanto fosse calmo rispetto a tutto il resto lì intorno.

    e poi vuoi mettere? credo d’aver toccato il record di libri letti in un anno proprio grazie a quel treno

  • Kujaku ha detto:

    Il pendolare è un mestiere strano! Se da un lato non potrai fare a meno di incavolarti per ogni ritardo o disservizio non potrai fare a meno col tempo di notare un che di romantico nel viaggiare assieme a sconosciuti, lungo kilometri di niente e di tutto… o almeno… io l’ho trovato!

    Però ho un dubbio… il titolo è una citazione di una canzone di carmen vero? Non riesco a ricordare che canzone sia! >_>

  • anija ha detto:

    E cristo, che lettori attenti che ho!
    Parlo d’autunno nelle prime due righe, il titolo è quindi di Autunno Dolciastro da Mediamente Isterica

  • Kujaku ha detto:

    Cavoli è vero!! Era facile! >_< Devo proprio riprendere in mano gli album della carmen *_*
    Grazie!

Rispondi a brokentoy Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.