Ah, Dio, salvami tu. So che ti stridono le orecchie a sentirmi rivolgere a Te, quindi capirai che c’è davvero necessità di un tuo intervento. Perché certe cose sono proprio fuori dal mondo e io sono combattuta tra il ridere, il piangere, il cercare di fregarmene e il mandare tutti a fanculo.

Ieri leggendo Cosmopolitan (il caro vecchio Cosmopolitan, di cui cito recente conversazione
signorina al telefono: « la chiamo perché non ha ancora rinnovato il suo abbonamento e volevo farle sapere che bla bla bla »
« no è che non intendo proprio rinnovarlo, gli avvisi li ho ricevuti »
« ah (sconsolatissima) come mai, non è di suo gradimento la rivista? »
« no no, mi piace, solo che i 12 numeri che ho accumulato riuscirò a leggerli probabilmente non prima del 2026 visto il tempo che ho ;) »
« ah, allora va bene! ^_^ »)
Insomma, leggevo la lettera di una (che poi a ste lettere qua iniziali Cosmopolitan non risponde le pubblica e … e? mah) che chiedeva come disfarsi delle amicizie di troppo: si lamentava del fatto che pur essendo lei socievole e molto disponibile e cordiale con tutti gli amici, quando fa qualcosa invita sempre tutti, etc. nessuno, a lei, la chiama mai. Anzi, c’è la solita scena delle amiche che escono per i fatti loro senza neanche degnarsi di far uno squillo. Ho sorriso amaramente. Ecco come fai: cancelli la rubrica del cellulare ed un eventuale rubrica cartacea. Ed ecco che dopo che non ti fai sentire tu per due settimane gran parte di queste persone si sarà ampiamente dimenticata il tuo (numero) di conseguenza.
Provare per credere, con me ha funzionato fin troppo bene.
Solo che poi ti capitano online e… che fare? Se non chiedere a Dio di aiutarti nel non mandarli dove dovrebbero essere?