Ieri sera a Torino, come previsto, alla notte Olimpica. Uno. Il gabbiotto di ricevimento della notte olimpica (che iniziava alle 17:00 e finiva alle 5:00) alle 22:00 era già bello chiuso. Due. Il museo del Cinema aveva una coda bicentenaria, quindi abbiamo lasciato perdere (ancor più convinti quando, davanti all’ingresso della Mole – perchè il museo del cinema è dentro la Mole, l’ho detto mille volte e nessuno mi ascolta mai – abbiamo notato che entravano a gruppetti di 10). Tre. Il Museo Regionale di Scienze Naturali era sì gratuito, ma aveva aperto solo il padiglione dedicato agli Innuit (di cui sinceramente, alle 23:00 di sabato sera, non è che mi interessasse più di tanto). Quattro. Però abbiamo visto l’orso della Coca-Cola, e *lui* voleva che lo fotografassi mentre mimava atti osceni dietro l’orso. Cinque. Grazie a dio la macchina aveva le pile scariche, quindi ho fatto solo quattro foto ai Murazzi, illuminati divinamente. Sei. Siamo poi andati, insieme a un paio di suoi amici, a vedere The Rocky Horror Picture Show, con la pellicola originale (penso che sperare di sentire una frase o una strofa intera sia stato davvero troppo ottimistico) e *lui* si è addormentato. Sette. Abbiamo mangiato un pezzettino di pizza bianca e un minicalzone che evidentemente era stato riempito d’acqua, così ora dobbiamo scendere a pulire cappotti, scarpe, e quant’altro. Otto. Stasera Depeche Mode.

ps. questo pare essere il post dei fraintendimenti, quindi do’ un paio di nozioni in più ai miei attenti lettori: al concerto dei dm ci sono andata davvero (l’abbiamo saputo all’ultimo minuto), e la serata di sabato è stata una bella serata; pare di no, ma nel post ho riportato solo le cose degne di essere un punto della serata; la grande folla, le luci meravigliose, the rocky horror picture show al cinema, le risate nell’igloo degli innuit, la neve del giorno dopo, l’accoglienza nella (bellissima) casa del ragazzo di sua sorella, sono tutte cose degne di nota, ma che preferisco ricordare da me, e che contavo di far vedere assieme ad un paio di foto.