Eccomi qui.
Giorni abbastanza stanchi, sonno arretrato e sonno che continua ad arretrarsi. Stamattina finalmente mi sono svegliata senza malditesta, la prima mattina da qualche settimana a questa parte. Oggi ho fatto un regalo a *lui*, gli ho fatto il template per il moblog. Mi piace tantissimo, e adoro ovviamente tutte le sue fotine. Stasera ho anche aggiornato il mio photoblog. Mi piace particolarmente l’ultima foto, o la prima, dipende dal punto di vista. (questa, insomma). L’ho fatta a caso, doveva essere settembre, seduta sul gradino del mio palazzo, una delle tante sere in cui uscivo a comprare le sigarette e vagavo per ore per le strade buie e sempre silenziose, piangendo.
Stasera era la serata film, a casa mia, si è aggiunta anche ele così abbiamo guardato Dracula, quello di Coppola, che lei non aveva mai visto. E’ sempre bello, per quante migliaia di volte io possa guardarlo.
Adesso dopo discorsi vari al telefono, sono un po’ triste. Triste di questo blog, triste di ricoprire un ruolo per la massa informe di utenti, dispiaciuta dell’essere avvicinata, in ogni modo, solo con scopi opportunistici; infastidita da chi si lamenta se non ricordo chi è dopo un solo messaggio, o da chi se non riceve risposta al pvt è pronto a dire che sono un’idiota isterica. E sì, son sempre le stesse cose, le ho postate migliaia di volte, ma purtroppo le cose in sè non cambiano, la gente fa sempre schifo, dovrei cambiare io e non interessarmene ma non sempre ci riesco. Soprattutto quando vedo la mia vita, la vita dell’admin, e quella di altri, analizzata in base ai post sul forum e sul blog, incrociando eventi puramente a caso, analizzata ed opinionata in modo soggettivo da perfetti sconosciuti, che poi han pure il coraggio di fare la bella faccia davanti. Mi fa schifo, e non riesco e credo non riuscirò mai a cambiare. Non ci posso fare niente. E tra l’altro, per chi sta sul forum tutta la giornata a guardare cosa diciamo e a farsi storie tipo beautiful nella testa, il messaggio è chiaro è conciso: non è normale. No, ma perdavvero.
Buonanotte, a me, al blog, a chi legge solo per leggere e vive in modo sereno blog, bloggers e blogosfera, che sembrano sempre meno.