Io davvero, non riesco a capire.
E’ tutta la settimana che organizziamo il weekend lungo, ho anche preso ferie lunedì perchè così andavamo in giro a fare una serie di commissioni che non ho mai tempo di fare.
E adesso, dopo che ho fatto il biglietto del treno per andare giù, prelevando soldi quando volevo evitare di farlo, arriva e mi dice che i suoi non gli lasciano la macchina e per la nebbia e per i pericoli (per dio!) e per i costi. Certo, farsi 640km per andare nella casa estiva invece non è pericoloso (l’autostrada, il mese d’Agosto, è il luogo più sicuro del mondo … ci sono i bambini che ci giocano a pallone in mezzo, talmente è sicuro) però andava bene, portarli giù.
Cazzo. Sembra quando si hanno sedici anni e i genitori vietano cose assolutamente invietabili tanto per far capire all’esuberante figlio adolescente che sono loro che comandano.
Perchè venire qua senza macchina, non è un costo? No, certo, il treno è gratis e per spostarsi qua anche, è tutto gratis, a Biella amano regalare al prossimo, si sa. Certo, chiedere la macchina a mia madre è gratis, la benzina non si paga nella macchina magica di mia madre, non è nemmeno una tipo vecchissima che beve il triplo di una qualsiasi altra macchina, no, no, certo che no.
Sempre bastoni in mezzo alle ruote, solo per il gusto di farlo. Insomma, a 22 anni dovrebbero essere cambiate un po’ di cose, dai sedici.