Tanto a concludere questo periodo assurdo in cui « cannelloni » si rivelano solo insopportabili sempliciotti decisamente oppressivi, sconosciuti mi telefonano sostenendo di aver messaggiato per vario tempo e mi invitano per una pizza, amici mi chiedono – per favore ovviamente – se possono farmi avere un orgasmo per vedere l’effetto che fa, ex incominciano a farsi sentire decisamente spesso, tipi che non si sono mai esposti in tanti tanti anni mandano messaggini con « ho già voglia di rivederti », conoscenti di quasi 10 anni fa incontrati casualmente sul pullman mi chiedono il numero e un’ora dopo mi scrivono che non sono cambiata per niente anzi sono ancora più bella, dicevo, a concludere il tutto, squilla il telefono.
Numero anonimo.
« Pronto »
« Ho trovato il tuo numero e volevo sapere se si poteva fare un’incontro »
« Scusa, non capisco »
« Ho trovato il tuo numero … »
« Sì sì ho capito, trovato dove? »
« Sul giornale »
« Eh, ma un incontro per cosa? »
« Per fare sesso »

:O

« Con chi parlo?! »
« Sono Fabio di Biella, il cognome non posso dirtelo »
« O_o »
« Allora, vuoi fare l’amore con me? »
« Ma è uno scherzo? »
bla bla bla inutili, con il nervosismo e lo stupore che si alzavano a vista d’occhio (nel senso che mi si vedeva tremare)
« Certo che hai un bel caratterino per avere ventidue anni »
« Io avrò un bel caratterino, ma tu hai una gran testa di cazzo »
Click.

Direi che me ne vado a letto a pregare per un po’ di vita monotona e insulsa.