Nonostante il referendum, nonostante il fatto di rendersi conto che, malgrado la selezione incredibile che ho fatto ho filtrato un sacco di gente inutile e deplorevole, nonostante il fatto che vedo in continuo persone che hanno la stessa capacità mentale di mia cugina di fottutissimi 3 anni, nonostante il gatto mi stia mordendo i cavi del pc, nonostante non riesca a tener fede a un solo minimo mio proposito, nonostante ci sia pioggia, nebbia e freddo, nonostante stasera torno a casa senza niente di più, nonostante tutto sono felice. Perchè penso a quanto mi sia facile sorridere come se fossi di fronte alla bellezza universale quando guardo *lui*. E sorrido anche solo a pensarci. E vorrei svegliarlo e dirglielo, ma dorme già, e io passerò ore a crucciarmi del fatto che lui oggi mi parlava di esami e io di libreria e avrei dovuto lasciar perdere e ascoltare solo lui, ascoltare solo la sua voce che raccontava, come quando mi parla delle persone che incontra a lavoro, e a scuola, e io mi sento meglio di quando da piccola mi si raccontavano bellissime fiabe.