20 giorni fa ho compiuto 22 anni.
Niente feste, solo un giorno al mare per me e *lui*, niente festeggiamenti con gli amici. Niente brindisi nè altro.
Vorrei non compiere più altri anni. Vorrei non arrivare al punto
critico a cui arrivano tutti prima o poi in cui si smette d pensare. E’
misterioso, non capisco come e cosa succeda, eppure succede.
La routine diventa più importante di tutto il resto. Io sono una
persona materiale: credo che soldi, lavoro e impegni spesso debbano per
forza prendere il sopravvento sul filosofeggiare, e mi irrita che
invece passa il 90% del suo tempo a pensare.
Però non smetterei mai di farlo. Di farmi domande, di intavolare quelle
belle discussioni sul niente da cui si esce senza scoperte e
illuminazioni, ma solo un pochino più sereni.

Ma non volevo parlare di questo, volevo solo elencare i regali
ricevuti. Quest’anno sono pochi, ma sono tutti più belli. Mi sembra che
quest’anno si siano tutti messi d’accordo per essere particolari nella
scelta del regalo.
*lui* mi ha regalato un libro di bjork (sia per il comlpeanno che per i sei mesi insieme) e la giornata al mare.
sprok un portaspezie (che volevo da secoli) su cui ha fatto il decoupage di una calla (il mio fiore preferito).
t. ha confezionato (e questo ha dell’incredibile) un calendario di
parole. Chi ha visto alfie capirà: ogni giorno stacchi la parola, leggi
la definizione, e poi tenti di usarla il più possibile durante la
giornata.
t. ha cercato 365 parole e le loro definizioni, alcune delle quali possiamo capire solo noi. E’ davvero assurdo!

Sono pochi regali, ma sono davvero belli.
grazie :*

Uh, e io mi sto autoregalando un porta DVD (50) su ebay, se l’asta non sale troppo. Da noi sono assolutamente introvabili
e io sono stufa di tenere i DVD su una mensola, in ordine alfabetico,
che poi arriva qualcuno, tira fuori i DVD e li rimette a caso e io
passo le ore a riordinarli. X/