è già arrivata la gente a dire "dovresti essere triste! non dovresti uscire"
diciamo la verità.
non sono triste. non posso farci nulla, ma è così. no oddio, sono triste, è chiaro, una serie di progetti insieme che va in fumo, l’idea che non staremo più assieme, che tra un anno, due, lui non ci sarà, mi rende sicuramente triste. ma d’altronde una vena di tristezza c’è sempre per qualcosa, ci convivo da 21 anni, quindi non mi cambia molto. non sono disperata, non ho pianto, non mi sento vuota.
in compenso ora sono single. gente, single.
single vuol dire feste. serate con le amiche. vuol dire che dimagrirò, mangiando molto meno e molto meno spesso. vuol dire che mi cercherò un bilocale piccolo piccolo. vuol dire che tornerò a usare i maledettissimi pulman e i treni. vuol dire che sarò libera di dire e fare cio’ che voglio. vuol dire niente più litigi per le pulizie. niente più litigi per il posto in cui andare la sera. potrei anche smettere di fumare.
tutto sommato sto bene.
sto davvero bene.